dicembre 13, 2017

,

Recensione - Kaloderma scrub corpo rinnova pelle

Probabilmente sono fra le pochissime persone al mondo ad aver provato solo di recente uno tra gli scrub corpo più famosi nella grande distribuzione, ma ce l'ho fatta! Ed anche per lo scrub corpo di Kaloderma è giunto il momento di una recensione dedicata. Sapete che con gli scrub corpo non sono mai costante e che non è un cosmetico che amo troppo, nonostante ne riconosca l'utilità e in alcuni casi la necessità. Ho acquistato questo prodotto ben due estati fa in Trentino, perché qui non riuscivo a reperirlo e l'ho tenuto chiuso per tutto questo tempo un po' per pigrizia, un po' perché c'era altro che preferivo utilizzare.


Lo scrub corpo rinnova pelle di Kaloderma ha una confezione in cartone abbastanza voluminosa e ricca di informazioni, all'interno della quale troviamo un barattolo in plastica rigida tondeggiante, con tappo che si avvita e pellicola protettiva della freschezza del prodotto. La confezione in plastica è davvero ingombrante, dato il quantitativo di prodotto all'interno, e quindi poco pratica e poco igienica, facile da essere contaminata con acqua o altri prodotti se come me fate lo scrub sotto la doccia. 

Il prodotto si presenta in due fasi: una oleosa e una granulosa. Vanno mescolate con la spatola in dotazione, poi il composto va steso in senso circolare su pelle asciutta o umida, a seconda che si voglia un effetto esfoliante maggiore o più delicato. L'azienda consiglia di risciacquarlo senza l'aiuto del bagnoschiuma, ma con della semplice acqua e ne consiglia l'uso 1 o 2 volte a settimana. Lo scrub corpo favorisce il rinnovo cellulare grazie alla esfoliazione, attiva la microcircolazione cutanea, nutre la pelle e la rende morbida, levigata, compatta. Non va utilizzato sul viso, né sul parti del corpo delicate o lese, né dopo l'esposizione al sole. 

Tra gli ingredienti  troviamo:
- zucchero di canna, come parte granulosa insieme al sale;
- olio di macadamia, nutriente ed emolliente;
- olio essenziale di lavanda, purificante e coadiuvante nell'attivare la microcircolazione.

Immagine SODIUM CHLORIDE (viscosizzante)
Immagine C12-15 ALKYL BENZOATE (emolliente)
Immagine ETHYLHEXYL PALMITATE (emolliente)
Immagine SACCHARUM OFFICINARUM EXTRACT (Vegetale / additivo biologico / idratante / condizionante cutaneo) 
Immagine MACADAMIA TERNIFOLIA SEED OIL (Emolliente / vegetale) 
Immagine JUGLANS REGIA SHELL EXTRACT (vegetale) 
Immagine HELIANTHUS ANNUUS SEED OIL (emolliente / vegetale)
Immagine LAVANDULA ANGUSTIFOLIA OIL (vegetale)
Immagine TOCOPHERYL ACETATE (antiossidante)
Immagine PARFUM
Immagine HEXYL CINNAMAL (allergene del profumo)
Immagine LIMONENE (allergene del profumo)

PAO: 24 mesi
QUANTITA': 500 grammi
REPERIBILITA': l'ho acquistato al Cad, qui da me l'ho visto da Acqua e Sapone e da Ipercoop. 
PREZZO: variabile dai 7-8 euro ai 10, in base al punto vendita. 

Purtroppo non posso mostrarvi in foto la consistenza del prodotto, perché l'ho terminato senza ricordarmi prima di conservare qualche immagine. In ogni caso, lo scrub corpo di Kaloderma è composto da una consistente parte granulosa ed una, minore, oleosa. La profumazione era piacevole, mi ricordava molto quella della maschera alla macadamia di Omia laboratoires. Proprio il fatto che secondo me la componente oleosa fosse nettamente meno presente di quella granulosa, mi ha riservato qualche problema nell'utilizzo. Le prime volte non ho avuto grandi difficoltà, perché miscelavo le due parti, ancora integre, con la spatolina e il massaggio (su pelle umida, non l'ho mai usato su pelle asciutta) era agevolato dalla componente oleosa, che permetteva al prodotto di scivolare sulla pelle senza creare un attrito eccessivo. Non appena la parte oleosa ha cominciato a diminuire, alla fine mi sono ritrovata con metà barattolo pieno quasi esclusivamente di granelli che si sono resi abbastanza aggressivi sulla mia pelle. L'ultima volta che l'ho utilizzato, addirittura, dopo averlo risciacquato ho avvertito bruciore su entrambe le gambe, nella zona anteriore tra lo stinco e la caviglia, notando un lieve arrossamento. Sicuramente la mia pelle, in quella zona, era particolarmente secca e l'azione esfoliante dello scrub ha contribuito a lesionarla ulteriormente. Un'altra conseguenza della consistenza così poco "morbida", se vogliamo, è che nel prelevare lo scrub con le mani per stenderlo, a contatto con la pelle metà prodotto cadeva regolarmente sul piatto doccia, con l'impossibilità di utilizzarlo. E naturalmente l'olio presente all'interno contribuiva a facili scivolamenti, questo però lo dobbiamo mettere in conto ogni volta che utilizziamo uno scrub dalla composizione doppia come questo. 

A mio avviso abbiamo davanti un prodotto che non è assolutamente indicato per la stagione fredda, soprattutto per pelli molto secche e delicate. E' di certo più adatto all'estate, anche se io opterei comunque per qualcosa di più delicato se avessi, come ho, il costante problema della secchezza da contrastare. Per quella che è stata la mia esperienza, non lo ritengo un prodotto delicato, ma al contrario, soprattutto sul finire, i granuli sembrano quasi graffiare la pelle, con una sensazione più fastidiosa che piacevole. Io mi ritrovavo sempre con la pelle arrossata dopo l'utilizzo, seppur debba riconoscergli il fatto che lasciava la pelle stessa morbida e levigata (effetto che però non durava a lungo). La pelle era anche unta, molto unta e questo effetto neppure il bagnoschiuma riusciva a mandarlo via. Non credo proprio di riacquistarlo, perché ho preferito sia lo scrub corpo Fior di Magnolia, che quello Equilibra: li ho trovati, entrambi, più delicati e comunque efficaci. 

Continue reading Recensione - Kaloderma scrub corpo rinnova pelle

dicembre 10, 2017

, , , ,

Promossi e bocciati del periodo (make up)

Da quanto tempo non parliamo di make up? E' ora di rimediare. Ho deciso di raggruppare in questo articolo alcuni prodotti di make up che sto utilizzando ultimamente: alcuni mi sono piaciuti, altri decisamente meno. Di alcuni, che non troverete menzionati oggi, arriverà presto una recensione dedicata, appena avrò il tempo necessario per scriverla e preparare le foto.



P2 Perfect eye base
Non ho utilizzato molte basi per gli occhi da quando ho iniziato a truccarmi, infatti quelle che ho avuto sono state essenzialmente due: la base I love stage di Essence nella versione originaria e la base occhi famosa di Kiko. Nessuna delle due mi ha fatto impazzire: la prima perché con alcuni ombretti non evitava la comparsa delle fastidiose pieghe, la seconda perché sin dalle prime applicazioni non ha mai avuto la formulazione che avrebbe dovuto avere, essendo oleosa e impossibile quasi da applicare. Volevo prendere una nuova base occhi, ma al contempo non volevo spendere molto, perché di ombretti in polvere o in crema ne uso ormai pochi, preferendo gli eyeliner o matite colorate usate come tali, per cui la mia scelta è ricaduta su questa base occhi di P2. E' contenuta in un pot da 5 ml, con una scadenza di 6 mesi ed un prezzo di circa 3 euro. Non ha una profumazione particolare, è una cremina rosata un pochino pastosa che sulla palpebra diventa quasi completamente trasparente. L'ho provata sia con ombretti in crema che in polvere e devo dire di non esserne completamente soddisfatta, perché in alcune occasioni ha retto sufficientemente bene, in altre invece, al momento di struccarmi, ho notato le antiestetiche pieghe. Non ho capito da cosa è dipesa questa differente resa, probabilmente dalle condizioni della mia palpebra, più o meno oleosa, dalle condizioni climatiche o dalla qualità degli ombretti applicati. In ogni caso, quando la terminerò non la riacquisterò più e cercherò qualcosa che qualitativamente sia superiore, senza dovermi svenare per trovarla.


Maybelline SuperStay 24h correttore
Avendo, purtroppo,molte imperfezioni da coprire, non posso fare a meno di un buon correttore liquido, che talvolta uso al posto del fondotinta, fissandolo con un velo di cipria leggermente colorata. Dopo aver terminato quello di Wet n wild, ho acquistato questo nella colorazione n.2 Light, perché quella più chiara non c'era. E' un classico correttore con applicatore in spugna, che personalmente trovo comodo quanto ad applicazione, ma non particolarmente igienico, né pratico dal punto di vista dello spreco del prodotto, in quanto molto rimane sul fondo ed è impossibile da prelevare. Non mi è piaciuto fondamentalmente per la colorazione scura ed eccessivamente aranciata per la mia pelle, mentre per la tenuta e la resa sì. E' un prodotto che si fissa e lì rimane fin quando lo struccate, ha una coprenza media. Non lo riacquisterò, perché voglio provare altro, a meno che trovi la colorazione più chiara. Contiene 7,5 ml di prodotto, con una scadenza di 6 mesi ed un prezzo di circa 5 euro.


L'Oréal Super liner perfect slim
Nonostante mi piaccia il classico eyeliner nero, ho voluto acquistarne uno grigio perché trovo che appesantisca meno il mio sguardo. La scelta è ricaduta su questo eyeliner di L'Oréal per un semplice consiglio della commessa, che devo dire ha avuto ragione. Si tratta di un prodotto in penna con applicatore rigido in feltro, dalla punta lunga e conica che permette un'applicazione precisa ed un tratto intenso già alla prima passata. Essendo l'applicatore ben impregnato di prodotto, bisogna aspettare 1-2 minuti affinché sia completamente asciutto, dopodiché rimane fisso per tante ore, fino a quando non vado a struccarlo. Si rimuove, tra l'altro, con estrema facilità e fino ad oggi non mi ha né causato irritazioni, né macchiato la palpebra. Non so se riacquisterò questo prodotto, ma sicuramente l'eyeliner grigio è entrato a pieno titolo tra i miei prodotti make up preferiti e continuerò ad usarlo.


Collection professional Long lasting eyeliner n.01 Black
Così come divoro i correttori, divoro anche le matite nere, perché è uno di quei prodotti che applico sempre quando mi trucco. Dopo aver terminato la matita nera di Essence, che non mi era molto piaciuta perché sbavava agli angoli dell'occhio, ho acquistato questa che, quanto a nero è meno intensa dell'altra, ma quanto a durata mi piace leggermente di più. Non è la matita nera della vita, nel senso che anche questa, se avete gli occhi spesso umidi come i miei, non regge perfettamente per tutta la giornata, però posso applicarla anche all'angolo interno ed esterno senza aver paura di vederla scomparire un attimo dopo. Non credo di riacquistarla, perché voglio un prodotto ancor più duraturo e dal nero più intenso.


Collection professional Powder blush n.1
Come la matita nera, anche questo blush è entrato di recente nella mia make up routine e mi sta piacendo molto. E' un rosa - pesca intenso e molto pigmentato, infatti ne va applicato pochissimo alla volta e va sfumato bene. Non è polveroso e rimane intatto fino a sera, quando vado a struccarlo e lo ritrovo tutto nel dischetto o nel panno che utilizzo per rimuoverlo. La confezione è abbastanza pratica e molto resistente, perché la plastica che la riveste è rigida. Non posso fare paragoni con altri prodotti in uso, perché compro e utilizzo un blush solo alla volta, però è uno dei migliori che ho provato, quanto a resa e pigmentazione. Vorrei provarne uno più rosato.




Questi sono alcuni dei prodotti make up che sto utilizzando più spesso. Presto, appena mi sarà possibile, vi parlerò più nel dettaglio di altri cosmetici di cui voglio dirvi qualcosa in più e farvi vedere anche l'applicazione concreta e l'effetto sulla mia pelle. Sicuramente vi parlerò di molti fondotinta e del famoso Instant anti-age correttore di Maybelline, che purtroppo non mi sta piacendo come avrei sperato. 



Continue reading Promossi e bocciati del periodo (make up)

dicembre 06, 2017

,

Recensione - I Provenzali bio shampoo biologico riparatore all'aloe

Mi spiace non essere presente come vorrei qui, negli ultimi giorni, ma l'università sta richiedendo quasi tutto il mio tempo e gli impegni della vita il restante, ed è giusto così. Non vedo l'ora che questo periodo passi, per potermi rilassare. Oggi vi parlo di uno shampoo che avrei voluto provare da molto tempo, ma che per qualche motivo che non so, non ho mai comprato fino a qualche settimana fa. Ho già utilizzato con piacere il balsamo della stessa linea de I Provenzali bio e non vi nascondo che anche la maschera per capelli mi ispira, se non fosse che nella mia wishlist ce ne sono molte altre da provare!


Lo shampoo biologico riparatore all'aloe, questo il suo nome, ha un flacone in plastica rigida bianca con tappo rosso apri e chiudi, che può anche svitarsi. I colori, verde, rosso e bianco, sono quelli tipici di tutta la linea biologica per capelli all'aloe che il brand ha lanciato ormai tanti mesi fa. Purtroppo il tappo non è molto stabile: dopo qualche utilizzo, la "cerniera" di apertura si è rotta e quindi ogni volta devo chiuderlo manualmente.

L'azienda lo consiglia per capelli deboli e sfibrati, come trattamento riparatore per rendere la chioma morbida e luminosa. E' inoltre consigliato per lavaggi frequenti, è testato dermatologicamente e contro i metalli pesanti. Il flacone può essere totalmente riciclato. 

PAO: 12 mesi
QUANTITA': 250 ml
REPERIBILITA': Ovs, supermercati, Acqua e Sapone
PREZZO: circa 5 euro

Ingredienti dal sito Saicosatispalmi

Immagine AQUA 
Immagine ALOE BARBADENSIS LEAF JUICE* 
Immagine AMMONIUM COCO-SULFATE** 
Immagine COCO-GLUCOSIDE**
Immagine BETAINE** 
Immagine COCAMIDOPROPYL HYDROXYSULTAINE** 
Immagine SODIUM COCOYL GLUTAMATE**
Immagine COCAMIDOPROPYL BETAINE**
Immagine ALOE BARBADENSIS FLOWER EXTRACT* 
Immagine GLYCERIN** 
Immagine ALOE BARBADENSIS LEAF WATER* 
Immagine ALOE BARBADENSIS LEAF EXTRACT*
Immagine PARFUM** 
Immagine SODIUM LEVULINATE** 
Immagine CITRIC ACID** 
Immagine POTASSIUM SORBATE 
Immagine HELIANTHUS ANNUUS SEED OIL**
Immagine SODIUM BENZOATE 
Immagine BENZOIC ACID 
Immagine PROPANEDIOL** 
Immagine LIMONENE** 
Immagine LINALOOL** 

Lo shampoo biologico riparatore de I Provenzali bio ha una profumazione delicata e floreale che, per fortuna, ricorda davvero poco l'aloe, dato che questa pianta ed io non andiamo particolarmente d'accordo. La consistenza è quella di un gel giallino abbastanza fluido, che a contatto con l'acqua fa molta schiuma, tanto da consentire di utilizzarne poco per volta e riuscire comunque a lavare bene tutta la cute. 

E' delicato, infatti non mi ha causato quel fastidioso prurito che, purtroppo, alcuni shampoo ultimamente mi hanno provocato. La mia cute, almeno fino ad oggi, pare tollerarlo piuttosto bene e pur non essendo uno shampoo indicato per cute grassa e quindi dall'effetto purificante e sebo equilibrante, non ha peggiorato il problema di cui soffro nell'ultimo periodo. Insomma, per i miei capelli non è di certo lo shampoo della vita, ma si è rivelato un buon prodotto, che tuttavia non utilizzo quando voglio essere sicura che i miei capelli durino puliti per almeno un paio di giorni. Questo perché sto utilizzando, alternandolo a questo, lo shampoo Biokap per capelli grassi che mi ha davvero salvata e qualsiasi altra cosa che sto abbinando ultimamente, pare non eguagliarlo. Lo shampoo de I Provenzali bio è uno di quegli shampoo che può essere usato anche senza balsamo, perché, almeno per me, non aggroviglia le lunghezze e dunque posso farvi affidamento nei momenti di fretta, quando non ho il tempo per tenere in posa un prodotto condizionante. Quando posso, naturalmente, il balsamo lo uso sempre, anche perché altrimenti non riuscirei a domare le mie lunghezze secche. Dopo l'utilizzo, al momento della asciugatura, i capelli sono facilmente pettinabili, lievemente profumati, abbastanza morbidi e disciplinati, nonché leggeri. Attenzione però a risciacquarlo bene, perché la prima volta che l'ho usato ho notato che, non facendolo, le radici tendevano a restare appiccicose.

In conclusione, lo shampoo biologico riparatore all'aloe de I Provenzali bio è un buon prodotto, considerato anche il prezzo e la facile reperibilità. Non so quanto possa essere indicato per una cute grassa, che sicuramente ha bisogno di prodotti più specifici, ma magari per il periodo estivo o per esigenze di lavaggi frequenti può andare bene, perché è delicato. Mi verrebbe da consigliarlo per cuti normali o sensibili. Credo proprio che lo riacquisterò, è piaciuto anche a mia mamma. 
Continue reading Recensione - I Provenzali bio shampoo biologico riparatore all'aloe

dicembre 03, 2017

,

Prodotti finiti [Novembre 2017]

E anche Novembre è volato in un soffio ed è già Dicembre. Con qualche giorno di ritardo, ecco i prodotti che ho terminato durante l'ultimo mese. Vi ricordo che, se di un prodotto ho già scritto la recensione, cliccando sul nome sarete indirizzati direttamente ad essa, che si aprirà in un'altra pagina. 


Delidea Latte tonico lenitivo 2 in 1: ve ne ho parlato di recente, per cui sapete che non mi è affatto piaciuto. Come latte detergente non rimuoveva nulla, anzi contribuiva a spalmare il trucco per tutto il viso, prolungando i tempi di struccaggio. Come tonico era inesistente, non capisco ancora quale utilità abbia una combo di questo tipo. Ve lo sconsiglio caldamente ed è chiaro che non lo riacquisterò. 

Lycia strisce depilatorie viso perfect touch: le ho già usate in passato e mi erano piaciute. Confermo la mia opinione, saranno più costose di altre, ma sono anche più efficaci sulla mia pelle. La cera riesce a strappare più peli, anche molto corti e di conseguenza devo effettuare meno strappi in totale e posso stressare meno una zona così delicata come quella labiale. Vorrei provare la versione per pelli delicate e credo che, salvo casi di urgenza, non tornerò ad altre strisce depilatorie più economiche. 

Equilibra Argan mousse detergente viso: non l'ho trovata eccezionale e la sua formulazione non ha reso piacevole per me il momento di lavare il viso. La profumazione era gradevole, ma per il resto ho usato di certo prodotti più pratici e che mi sono piaciuti di più. 



Aqua massage spugne levatrucco e dischetti di cotone maxi Frilly: le spugnette le uso esclusivamente per rimuovere le maschere viso e mi trovo sempre bene, anche se vanno cambiate spesso perché la spugna si consuma e si lacera facilmente. I dischetti di cotone non ricordo neppure dove li ho acquistati, perché cambio sempre marca a seconda del posto in cui mi trovo a fare la spesa. Mi sono piaciuti e se dovessi ritrovarli, potrei riprenderli. 

Omia laboratoires deo vapo biologico tea tree oil: bocciato totalmente dal punto di vista dell'efficacia, perché mi faceva puzzare dopo poco tempo dall'applicazione. Non solo non mi proteggeva, ma era quasi come se aumentasse il cattivo odore. La profumazione è tipicamente di tea tree, molto forte, per cui se non l'amate, vi sconsiglio questo prodotto. 

Dove original deodorante: al contrario del precedente, questo prodotto è ormai una garanzia che non manca mai nel mio bagno. Lo termino e lo riacquisto continuamente, perché oltre ad avere una profumazione divina di pulito, mi protegge perfettamente anche nelle giornate più calde in cui sudo di più o quando devo stare fuori casa per molte ore. E' una sicurezza a cui non rinuncerò. 


Non mi dilungo molto su queste maschere per il viso, perché vi ho parlato di tutte nell'ultimo articolo che ho pubblicato. Promossa la Garnier Hydra bomb perché ho visto la differenza dopo averla utilizzata, in termini di maggiore luminosità e compattezza della pelle. Promossa con riserva la maschera al carbone di Montagne Jeunesse, perché vorrei provarla ancora prima di poter dire con sicurezza se mi piace oppure no. La maschera anti-stress di MyMask non mi ha entusiasmata, ma mi ha incuriosita sulla tipologia di maschere illuminanti-rivitalizzanti che fino ad oggi non ho utilizzato con costanza. Infine, la maschera in tessuto di Loverecipe alla paprika mi ha delusa, perché non ho notato alcun beneficio, anzi ho avuto il fastidio di sentire la pelle appiccicosa dopo il suo utilizzo. 



Equilibra Karité maschera per capelli: nella recensione dedicata mi mostravo dubbiosa, perché nonostante avesse un buon profumo e riuscisse un minimo a districare i capelli e renderli morbidi, sentivo che non era abbastanza o che forse non era il prodotto perfetto per me. Dopo averla terminata, vi dico che non la riacquisterò, perché sono certa di trovare di meglio. Tra l'altro, il balsamo all'aloe di Ekos mi dà risultati maggiori e già solo per questo non ho motivo di riacquistarla. 

Catrice fondotinta All matt plus n.010: per essere un fondotinta economico, mi è piaciuto molto. Mi è piaciuta la consistenza quasi in mousse e il fatto che durasse molte ore, nonché che fosse abbastanza confortevole sul viso. La colorazione però era troppo scura per me, inoltre non aveva la coprenza necessaria di cui avevo bisogno. Lo avrei riacquistato comunque, giusto per averlo in casa, ma purtroppo hanno tolto l'unico stand in cui avrei potuto trovarlo. 


Continue reading Prodotti finiti [Novembre 2017]